Centro Studi ImpresaLavoro Posts

E LA PA RALLENTA ANCORA I PAGAMENTI

L’attività del nostro Centro Studi ImpresaLavoro continua anche d’estate. Provate a non pagare le tasse (ve lo sconsiglio) sono guai. Ma lo Stato paga quando vuole e usa le aziende italiane come se fossero una specie di banca. I ritardi di pagamento dei fornitori dello Stato sono costati l’anno scorso oltre 4 miliardi alle imprese. È ovvio, se vengono pagati in ritardo, un artigiano come una grande azienda debbono andare in banca a farsi anticipare il denaro per pagare i dipendenti. Energia costosa e ritardi sono due dei motivi che rendono difficile la competizione con gli altri Paesi. Questo vuol dire meno posti di lavoro e più povertà.

 

La previdenza integrativa salverà le pensioni

Sembra quasi che la politica sia diventata un’altra forma di spettacolo. Insomma si può essere noti perché si va al Grande Fratello o perché si concorre alle elezioni. Il tentativo di risolvere problemi e di consentire al Paese di crescere dovrebbero invece venire ben prima delle litigate nei talk show e delle tattiche di quello che ormai sembra un gioco. In questi giorni ho scritto su due temi. Primo: consentire i super ammortamenti (quindi di ridurre le tasse, ma solo a chi investe) anche in edilizia : dal 2010 ad oggi produzione e ore lavorate nel settore costruzioni sono scese del 30%. Secondo: occorre agire subito sul tema pensioni. Un giovane che inizia oggi rischia di ricevere un ben misero assegno e solo dopo i 71 anni. I miei interventi su La Verità e Italia Oggi.

di Massimo Blasoni

C’è ancora molta confusione sulle pensioni

C’è ancora molta confusione sulle pensioni. C’è chi licenziato e senza aver raggiunto l’età per il pensionamento non sa che fare per mantenere la famiglia. È il caso di Ruggero di cui abbiamo parlato ieri a Mattino 5. Aspettava l’APE, cioè l’anticipo pensionistico ma i decreti attuativi non emanati, la burocrazia… e oggi non sa che fare. Nessun italiano ha ancora potuto beneficiare della misura. È assurdo, come è inconcepibile che un giovane che inizia a lavorare oggi si stima che otterrà la pensione a 71 anni.

di Massimo Blasoni

C’è ancora molta confusione sulle pensioni. C'è chi licenziato e senza aver raggiunto l’età per il pensionamento non sa che fare per mantenere la famiglia. È il caso di Ruggero di cui abbiamo parlato ieri a Mattino 5. Aspettava l’APE, cioè l’anticipo pensionistico ma i decreti attuativi non emanati, la burocrazia… e oggi non sa che fare. Nessun italiano ha ancora potuto beneficiare della misura. È assurdo, come è inconcepibile che un giovane che inizia a lavorare oggi si stima che otterrà la pensione a 71 anni.

Pubblicato da Massimo Blasoni su Martedì 12 dicembre 2017

Basta tasse sulle tasse. Per crescere: meno spesa pubblica

Oggi Il Giornale mi ha intervistato sull’eccesso di tasse per i nostri cittadini e per le nostre imprese. Le tasse nel nostro Paese sono un vero salasso, metà di quello che guadagnamo lo diamo ad uno Stato che spesso nemmeno ci garantisce servizi adeguati. L’ho detto con una battuta ma è vero, nemmeno lo sceriffo di Nottingham era così avido con i sudditi inglesi. Mai, nemmeno nel passato più lontano, si sono pagate imposte così elevate. Negli anni ’70 le tasse rappresentavano il 24% del PIL, oggi il 43%. Auto blu, aerei di Stato, opere inutili e assunzioni clientelari sono la base di questa situazione. E così i nostri giovani vanno all’estero.

di Massimo Blasoni

Al Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro

Ieri mi hanno invitato come relatore al Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro.
Mi ha fatto molto piacere. C’erano autorevoli relatori dell’Ocse e di importanti Università. Il tema era l’Europa. Sono a favore dell’integrazione ma osservo che in Europa l’Italia conta pochissimo. Noi sempre dietro la lavagna. Poi però capita che Jeroen Dijsselbloem, quel presidente dell’Eurogruppo e Ministro delle Finanze olandese che divenne famoso per aver dichiarato che gli italiani “spendono tutto in alcol e donne” e poi chiedono aiuti, si trovi disoccupato perché il suo partito ha perso le elezioni. Ti aspetteresti che torni a fare il suo lavoro e invece…pietisce e ottiene una consulenza straordinaria dal Fondo salva Stati per 14.500 euro mensili. Insomma è più facile fare la morale agli altri che a se stessi.

di Massimo Blasoni