Sereni Orizzonti Posts

cinquantamila.it

La mia biografia è apparsa sul sito cinquantamila.it, curato ed ideato da Giorgio dell’Arti, che vanta cinquantamila biografie di italiani illustri.

IN BOCCA AL LUPO

Ho detto che avrei aiutato con Sereni Orizzonti i giovani a cui un gruppo di Rom ieri ha sfasciato il locale aperto da cinque giorni. L’ho fatto: “le chiacchiere stanno a zero”, come si usa dire. Il mio è un piccolo gesto ma concreto per ripristinare il locale. L’ho fatto perché i gestori hanno poco più di vent’anni. Gli stessi che avevo anch’io quando da zero avviai la mia prima azienda: so quanto è dura e quanti sacrifici si fanno. In bocca al lupo.

 

 

 

NON SE NE PUO’ PIU’!

Non sono razzista ma veramente non se ne può più. Ieri un gruppo di rom ha picchiato due baristi e sfasciato un locale nel centro di Udine. Il locale era stato inaugurato da pochi giorni. Immagino i sacrifici del giovane titolare. E’ stato preso a pugni per non aver dato altro alcool ai giovani palesemente alterati. Di qui calci e pugni e il locale sfasciato. I cinque sono stati arrestati poco dopo. Due considerazioni: la prima, sono troppi i furti nelle nostre abitazioni con denunce senza che si trovino i colpevoli. La seconda: spero che gli arrestati non vengano liberati entro qualche giorno. L’impunità sarebbe un segnale devastante.

SERENI ORIZZONTI: PRIMO GRUPPO ITALIANO PER CRESCITA DI POSTI LETTO

E’ nato un governo, speriamo bene. Le vicende politiche nazionali assomigliano ad una sorta di talent o al Grande Fratello. Dietro le sceneggiate però c’è un Paese che lavora e si batte ogni giorno. Noi, forse degli ingenui, continuiamo ad investire.

di Massimo Blasoni

BISOGNA SAPER DIRE GRAZIE

La maggior parte dei 2500 collaboratori di Sereni Orizzonti sono donne. Quasi tutte sono anche mamme, che dividono la loro giornata tra persone che hanno bisogno di loro: gli anziani ospiti al lavoro e i figli a casa. Molte di loro oggi lavorano e tutte con un sorriso. Sarà banale ma mi sembra giusto far loro gli auguri e, soprattutto, dire grazie!

di Massimo Blasoni